Di cosa parlano le linee di tendenza

di cosa parlano le linee di tendenza

La moda europea prima di Cristo[ modifica modifica wikitesto ] Nel bacino del Mediterraneopopolazioni come etruschigreciromani si vestirono sostanzialmente con i medesimi capi, seppure con alcune varianti. Si indossava una veste che variava di lunghezza a seconda del genere - chiamata in Grecia chitone e a Roma tunica ; nello specifico era una sorta di rettangolo senza maniche fermato sulle spalle da fibule di cosa parlano le linee di tendenza in vita da una cintura.

In epoca arcaica le donne greche indossavano anche il peplo ripiegato nella parte alta creando una mantellina lunga fino alla vita. La varietà delle vesti era data non tanto dal taglio, ma dalla capacità di creare panneggi, sbuffi e piegoline.

L'uso di una o più cinture, a volte disposte diagonalmente, aveva lo stesso scopo. Cultori della prestanza fisica e dello sporti greci preferirono abiti che non costringevano il corpo e che permettevano scioltezza di movimento.

Sopra la veste si portava un mantello più o meno lungo e pesante. I mantelli greci più usati furono la clamide corta e rettangolare, che per le sue dimensioni serviva per cavalcare, e l' himationpiù grande e portato da entrambi i sessi, avvolto attorno al corpo in modo da lasciare la spalla destra scoperta.

Lo stesso argomento in dettaglio: Abbigliamento nell'antica Grecia. L'abbigliamento dell'antica Grecia era generalmente di carattere molto semplice, spesso costituito da uno o più rettangoli di stoffa che potevano essere cuciti o, nel caso di un pezzo solo, drappeggiati attorno al corpo. La caratteristica principale del vestiario, sia nell'uomo che nella donna, era che l'abito seguiva le linee del corpo senza deformarlo, come invece avverrà secoli dopo in Europa con l'introduzione del corsetto.

L'unico capo a fare parte unicamente del guardaroba femminile era il peplopiù usato nel periodo arcaico e sostituito dal chitone in età classica. Tale genere di costume rimase praticamente invariato nel corso dei secoli, durante i quali cambiarono soltanto i tessuti, i materiali utilizzati e il modo in cui essi venivano indossati.

Gli Etruschi[ modifica modifica di cosa parlano le linee di tendenza ] Gli etruschi indossavano come mantello la tebenna, ovale da cui si pensi derivi la toga romana. Solitamente allacciata con una fibula su una spalla, nell'ultimo periodo fu avvolta trasversalmente attorno al corpo lasciando un braccio libero.

di cosa parlano le linee di tendenza

In generale i vestiti etruschi erano caratterizzati da colori molto brillanti. Lo stesso argomento in dettaglio: Abbigliamento nell'antica Roma. Toga di imperatore romano Al tempo dei primi re i romani indossavano fare soldi per lalloggio e ampi mantelli probabilmente di derivazione etrusca.

Per quanto riguarda l'uomo, l'abito usato nel periodo repubblicano prima e imperiale poi, fu la togaun enorme mantello ovale in lana o linoavvolto attorno al corpo a formare fitte pieghe verticali che venivano usate anche come tasche.

di cosa parlano le linee di tendenza

Questo mantello dava alla figura l'aspetto virile e statuario che si confaceva al cittadino della potente Roma, intendendo per questo non colui che vi abitava, ma chi aveva ricevuto la cittadinanza come titolo onorifico. La toga conobbe un'evoluzione stilistica dalla repubblica all' impero. Se ne usavano di vari tipi, da quelle senatoriali orlate da una fascia di porporaa quelle candide indossate da chi concorreva una carica politica da cui deriva la parola candidato a quelle di colore scuro per chi era in lutto.

Nell'ultimo periodo dell'impero la toga si era talmente appesantita di ricami e decorazioni da essere abbandonata in favore di mantelli più liberi e sciolti. Le conquiste in Europa e in Asia influenzarono notevolmente la moda romana: furono introdotte le braghe Opzioni disponibili le maniche di origine orientale.

Nel tardo impero maniche strette furono applicate alla tunica, mentre la dalmatica, indumento proveniente probabilmente dalla Dalmaziale ebbe piuttosto larghe. La donna romana non aveva la libertà dell'uomo, tant'è che poteva uscire di casa solo accompagnata e ricoperta da un mantello portato anche sul capo.

Mainstream

Le prime statue che la raffigurano ne esaltano la virtù della "pudicitia". La matrona indossava varie vesti sovrapposte: la tunica intima, la tunica, la stola, ossia una veste senza maniche fermata sulle spalle da fibule. Nel periodo dell'impero le acconciature femminili diventarono estremamente elaborate: le mode erano lanciate dalle mogli degli imperatori che si facevano raffigurare con l'acconciatura preferita che, ripetuta in copia nei busti marmorei, veniva imitata dalle altre.

La matrona aveva una schiava appositamente incaricata l'ornatrix, che ogni mattina eseguiva ricci, corone, trecce. Dopo Nerone le acconciature diventarono torreggianti. Frequentissime erano le parrucche: le più ricercate erano quelle bionde, fatte con capelli di adolescenti germanici, mentre per quelle nere si utilizzavano i capelli delle donne orientali.

di cosa parlano le linee di tendenza

Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della moda bizantina. Il mosaico nella Basilica di San Vitale raffigurante Giustiniano e il suo seguito La moda di cosa parlano le linee di tendenzachiaramente osservabile nei numerosi mosaici ravennatiin particolare in quelli dell'abside della Basilica di San Vitalesi diffuse in Europa soprattutto da quando l'imperatore Costantinonel d.

di cosa parlano le linee di tendenza

Di particolare rilievo fu l'introduzione della seta : bozzoli di bachisecondo la leggenda narrata dallo storico Procopiofurono portati dalla Cina in Europa nel bastone cavo di due monaci. A Costantinopoli la produzione serica era severamente controllata da editti imperiali che ne limitavano l'uso ai ceti dominanti. Anche l'uso della porporacolorante costosissimo ricavato da un molluscoera riservato alla corte.

Teodora e le sue dame In quanto alle forme degli abiti la moda non fu che un proseguimento della tarda romanità.

  1. Account demo di forti
  2. Хейл с трудом пришел в .

Gli uomini usavano la tunica con le maniche, portata sopra un'altra tunica interiore, le braghe e la clamide. Quest'ultima, copiata dai romani alla moda greca, e notevolmente allungatasi, viene rappresentata con un inserto romboidaleil tablion, considerato un simbolo di potere e dignità. Nel mosaico in San Vitale l'imperatore Giustiniano ne porta una in porpora e panno aureo, mentre gli uomini del seguito hanno una clamide bianca con tablion purpureo.

Ricchissimo era anche l'abbigliamento femminile: nel mosaico citato, a fronte di Giustiniano, l'imperatrice Teodora indossa anch'essa tunica e clamide ricamata con i Magi in processione. Teodora si distingue per lo splendore dei suoi gioielli: un grande diadema con perle e gemme, lunghi orecchini e una mantellina anch'essa incastonata di pietre preziose.

Meditazione Guidata per Rilassamento, Ansia, Depressione, Respirazione con Musica Relax

Le dame che l'affiancano indossano dalmatiche e mantelli più corti. La dalmatica era spesso ornata da strisce verticali; nei mosaici della Basilica di Sant'Apollinare Nuovoquesto indumento presenta solo per le donne l'orlo tagliato sbieco. Gli uomini invece indossano sulla tunica il palliomantello di origine greca.

Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della moda Dopo la definitiva affermazione del Cristianesimoproclamato religione di stato nel d. Il senso del di cosa parlano le linee di tendenza, fortissimo nel periodo medievale, e la condanna della carne che ne derivava, mise in ombra l'essere umano come individuo naturale. Non a caso l' iconografia coeva rappresenta principalmente la vita di Cristo e dei Santi.

Anche per quanto riguarda l'uomo si accese una lunga diatriba se doveva o no tagliarsi i peli dono naturale del Signore sul mento e sul capo.

Lo sviluppo delle cittàiniziato già dalaveva portato al sorgere dei Comuni che lentamente ebbero il sopravvento sui feudi. I comuni cambiarono completamente il volto della società italiana, perché l'organizzazione della vita cittadina era basata sul lavoro e sulla mercatura, attività in mano alla borghesia.

Vi si sovrapponevano poi due vesti, una tunica con maniche aderenti e una con maniche più larghe, che poteva anche essere sostituita da un mantello. Gli uomini continuarono a usare le braghe.

di cosa parlano le linee di tendenza

Abissale era la differenza degli indumenti dei ceti più bassi rispetto a quelli signorili. Mentre i poveri spesso non avevano né scarpe né un mantello per coprirsi, i signori indossavano abiti serici ricamati in oro e calzature purpuree. Non si trattava soltanto di un'esibizione di status: a quel tempo si riteneva che i re e gli imperatori fossero investiti direttamente dall'autorità divina; non a caso uno degli oggetti che veniva consegnato durante l'incoronazione era il globo aureo sovrastato dalla croce, simbolo di potenza benedetta dal cielo.

Si forniscono due esempi di costume regale. Nella Vita Mathildis scritta e illustrata da Donizonela contessa di Canossa in trono indossa una tunica, una sopravveste con grandi maniche a imbuto, un mantello, un velo e un alto copricapo a punta.

Tuttavia il più raro e compiuto esempio di corredo, tuttora esistente e conservato al Kunsthistoriche Museum di Viennaè quello realizzato per Ruggero II di Sicilia nelcome attestato dalla scritta in lettere arabe che circonda il bordo del mantello. Usate per incoronare gli imperatori, queste vesti sono costituite da due tuniche, una azzurra e l'altra bianca, da calze, guanti, cintura, e da uno splendido mantello di seta scarlatta ricamato in oro e perle con due leoni che abbattono due cammelli.

Il simbolo rappresenta probabilmente la vittoria della fede cristiana su quella musulmana. Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della moda e Storia della moda Questo periodo è anche chiamato Goticoappellativo che per gli uomini del Rinascimento significava barbarico in quanto le opere d'arte non seguivano le regole auree della prospettiva e la natura era rappresentata solo in forma molto stilizzata.

Mainstream - Wikipedia

Infatti la Truffa commerciale o no, nonostante le crisi interne, aveva ancora una forte influenza sulla vita quotidiana, e l'uomo era visto esclusivamente come una creatura che dipendeva in tutto dalla potenza divina. I comuni prosperavano: nacquero le prime corporazioni, che imposero statuti con rigide regole.

Le attività e i commerci più importanti in Italia si basavano sulla raffinazione dei tessutispesso provenienti dall'estero, sulla concia delle pelli e delle pellicce o sulla tessitura di drappi preziosi. A Firenze la potente Arte di Calimala, importava lana dall' Inghilterra e la rivendeva a prezzi altissimi.

Lucca e Venezia furono al centro di una pregiata attività tessile e sartoriale. Le decorazioni erano spesso prese da fonti orientali, poiché il commercio si spingeva fino in India e in Cinalungo la famosa via della setariportando in Europa nuovi stili e immagini. Anche la lavorazione delle pellicce, usate come fodere e ormai entrate nell'uso comune, era soggetta a precisi regolamenti.

Antropologia[ modifica modifica wikitesto ] Lo stesso argomento in dettaglio: Gender mainstreaming. In antropologia l'uso principale del termine è riferito al gender mainstreaming, inteso come integrazione sistematica delle situazioni, delle priorità e dei bisogni rispettivi delle donne e degli uomini in tutte le politiche, misure, interventi, allo scopo di mobilitare e sensibilizzare tutte le politiche di ordine generale affinché si raggiunga la parità tenendo conto degli effetti all'atto della loro pianificazione e attuazione. Il termine combina le parole inglesi genderche significa genere la parola genere fa riferimento ai due sessi nelle loro relazioni sociali e mainstream e suggerisce dinamismo, movimento e progressione verso qualche cosa, insieme a qualche cosa. Il gender mainstreaming indica quindi una strategia composta da idee teorie e assunti ma anche da pratiche decisioni e azioni in grado di stimolare mutamenti della società. Le strategie per il gender mainstreaming enfatizzano l'attenzione sistematica ai temi di pari opportunità nelle politiche, nei programmi e nelle pratiche organizzative ed implicano cambiamenti a livello di politiche, strutture e sistemi.

Novità di questo secolo fu l'introduzione dei bottoniche permettevano di fare aderire vesti e maniche al corpo. Il sensibile allungamento che la moda dava al corpo umano è stato da alcuni paragonato al verticalismo delle chiese gotiche. La roba, come era chiamato l'insieme degli abiti, si componeva di una camicia, di una veste, sopravvesti con o senza maniche, e mantelli.

Per l'uomo erano sempre d'obbligo le braghe. Un nuovo indumento maschile di origine militare fu invece il farsettoun corto giubbotto portato direttamente sulla camicia. Sul capo si indossavano una cuffietta bianca e un mantello a cappuccio per l'uomo e un velo per la donna, a cui la Chiesa imponeva di nascondere i capelli.

Alla fine del secolo furono inventati gli occhialiprobabile opera di un modesto vetraio veneziano. Anche le braghe si restrinsero diventando vere e proprie calze terminanti in una lunga punta, allacciate al farsetto e munite di una suola che permetteva di escludere le calzature.

I vestiti erano spesso divisi verticalmente in due colori; a questi ultimi si attribuiva spesso una simbologia politica di appartenenza a fazioni o a corti signorili. Nel Trecento le decorazioni aumentarono ed erano concentrate soprattutto sulle maniche dove venivano ricamati stemmi araldici delle famiglie più in vista.

Le affrappature erano orli tagliati in forma di foglia che decoravano la sopravveste. Sul capo, oltre alla cuffia, si indossava il berretto arrotolato come un turbante. Le case poco riscaldate e dalle finestre non di cosa parlano le linee di tendenza chiuse da vetri costosissimi a quei tempi obbligavano la gente a un uso massiccio del soprabito : tra i più diffusi erano la pellanda e la giorneala prima ornata da lunghissime maniche, la seconda munita di due aperture laterali per passarvi le braccia.

Moda - Wikipedia

Il XV secolo [ modifica modifica wikitesto ] Questo e il periodo successivo sono stati denominati Rinascimentoperché l'arte si era liberata dalle pastoie del periodo Gotico. La rinascita dell'Umanesimo, la scoperta dei classici greci e latini, e lo studio appassionato che fecero delle rovine romane gli artisti del periodo, portarono a una riscoperta della centralità dell'uomo rispetto all'Universo.

Uno dei primi disegni che rappresenta le proporzioni perfette del corpo umano è l'uomo vitruviano di Leonardo da Vinci in cui la figura è iscritta in un quadrato e in un cerchio, le due principali forme geometriche più vicine alla perfezione.

La moda del periodo era dettata dalle corti signorili come i Medici a Firenzei Montefeltro a Urbinogli Sforza a Milano. Le corti avevano spesso la tendenza a sottolineare il lignaggio con colori propri o con scritte, dette Imprese, in cui erano indicati sentimenti o azioni da intraprendere.

Gli stessi colori erano estesi alla servitù, e si andarono creando le prime livree. Dal Quattrocento fino alla prima metà del Cinquecentouomini e donne indossarono abiti che ne sottolinearono le forme senza alterarle.

All'inizio del Quattrocento tuttavia il vestito femminile, ancora influenzato dallo stile gotico, ebbe lunghi strascichi e maniche pendenti.

Le maniche inoltre erano dotate di lunghi intagli da cui usciva a sbuffi la candida camicia. L'uso di laccetti permetteva la possibilità di cambiare maniche sul medesimo vestito, custodendole in un forziere. Le maniche signorili erano infatti impreziosite da gemme e puntali in oro, e si trattavano con la cura di veri e propri gioielli.

Вы знаете отель «Альфонсо Тринадцатый». Один из лучших в городе. - Да, - произнес голос.  - Я знаю эту гостиницу.

Gli uomini invece continuarono a mostrare le gambe e indossarono abiti che ne rigonfiavano il torace. Per questi ultimi il farsetto, un tempo considerato indumento intimo, fu accorciato e messo apertamente in mostra, assieme a calzebraghe aderentissime che fasciavano i glutei. L'esibizione del corpo maschile era ormai completa, e per coprire gli organi genitali fu inventata la braghetta, una sorta di pezza di tessuto, che veniva usato anche come tasca.

Questo tipo di moda era seguita soprattutto dai giovani, mentre le persone che avevano una carica pubblica o una specifica professione, come i medici e gli insegnanti, continuarono a portare abiti larghi e lunghi. Nella prima metà l'influsso Rinascimentale propose ancora il trionfo del corpo: le vesti cominciarono ad allargarsi. Non fu più di moda il tipo gotico longilineo, ma la donna rotonda come le Veneri di Tiziano. Venezia fu in particolare la città italiana dove il costume femminile si espresse con maggior libertà: scollature profonde ed elementi tratti dall'abbigliamento orientale, come i primi orecchini che, come riferisce un cronista scandalizzato foravano le orecchie "a guisa di mora" [3].

Alcune stranezze del vestiario femminile colpirono i contemporanei: per esempio l'uso di portare sotto la gonna, braghe rigonfie lunghe fino al ginocchio, moda probabilmente importata da Lucrezia Borgia.

Leggi anche